Espressioni colorite

Per meglio esprimere certe sfumature si fa ricorso a strani termini o ad espressioni assai colorite che, spesso, non hanno riscontro in italiano, ma che danno immediata comprensione, come certi suoni cacofonici:

- A sént un ṡburziglén..- (Sento un certo qual prurito...)
- T sî pròpi una pistinèga! - (Sei proprio un incantato! )
- Lâsa l óss in marlatta.- (Non chiudere a chiave.)

La "marlatta" era il ferrettino che, attaccato al legno della porta dalla parte interna, cadeva sul portello fissato al muro: bastava schiacciare la levetta esterna con una leggera pressione e la porta si apriva.

- Cus’èt, dla ṡgadézza int la tèsta?- (Cos’hai della segatura nella testa?)
- T an vèl gnänc dû góbbi.- (Non vali neppure due soldi = mo-netine da cinque centesimi di lira)
- Lighêr i cän cun la suzézza.- (Per esprimere abbondanza)
- Và là, biasanòt!- (Uno che sta fuori tutta notte)
- T ragiån come una zócca d âcua, come una zavâta råtta!-
- Pôver bagâi..., pôver quèl.-
Un’altra parolina viene poi inserita spesse volte in certe frasi: bèla, nel senso di già.
Es.: L é bèla arivê = è già arrivato
L é bèla partî = è già partito
U l à bèla détt = l’ha già detto
I l än bèla purtè vî = l’hanno già portato via

"Quèl" e "bagâi" si usano spesso nel dialetto castellano (cosino, coso, in italiano), quando non si ricorda, o non si vuole ripetere, il nome della cosa che si vuole significare o dire:
- Ai ò pêrs al bagâi dal... Duv êl al quèl dal...

È poi molto diffusa l’abitudine di ripetere parte della frase (generalmente le ultime due o tre parole) per dare più spessore, più credibilità o solennità al concetto che si vuole esprimere:
- A l ò truvè mé...a l ò truvè!-
- A n i arévv dè gnänc un fränc...a n i arévv dè!
- U v é custè un mócc’ ed sôld...u v é custè.