"Fér" e "dir"

Un’altra particolarità è quella di usare i verbi "fèr" (fare) e "dîr" (dire) al posto di tanti altri verbi più appropriati:

- fèr una cà → edificare, costruire una casa
- fèr un quèder → dipingere un quadro
- fèr al schèl → salire le scale
- A t ò détt duv t î stè → Ti ho chiesto dove sei stato.-
-Dîm cus’ch l é suzèst → Raccontami cosa è successo.-

Vi sono poi, al contrario, tanti sinonimi (del verbo parlare, per esempio) che consentono nel nostro dialetto una grande varietà di espressioni:
bacajèr, scårrer, biasèr, blaterèr, mugugnêr, farfujêr, baruṡlèr, ciacarèr.

Ognuno di essi ha un suo preciso collocamento:

bacajèr = parlare del più e del meno;
scårrer = un parlare più serio, su un preciso argomento;
biasèr = storpiando un po’ le parole fra i denti;
blaterèr = parlare a vanvera;
mugugnêr = brontolare fra sé e sé, lamentarsi sottovoce;
farfujêr = dire frasi senza costrutto, parole spezzate;
baruṡlèr = un esprimersi infantile;
ciacarèr = tipico delle comari.