Proverbi e Modi di Dire su Farina e Pane

Al ciàcher in fen fareina
Le chiacchiere non fan farina

Breisa è ser grecc’ ed rammel e strasinon ed fareina
Non essere avaro di crusca e sciupone di farina

Chi premma ariva al mèsna
Chi prima arriva macina

Ogni grén l’ha al su simulén, ogni òmen i su difèt
Ogni grano ha la sua semola, ogni uomo i suoi difetti

La fareina dal dievèl la va totta in rammel
La farina del diavolo va tutta in crusca

Stèr com un pundghén in tla fareina
Stare come un topino nella farina - (stare da papa)

A fauren cén, ui basta poca laggna
A piccolo forno, poca legna basta - (tutto in proporzione)

Quand ui menca al pan, i van ben anch i grussten
Quando manca il pane, vanno bene anche i crostini

Al pan fàt in cà, lè sàmper piò savurì
Il pane fatto in casa è sempre il più saporito - (in senso figurato)

Pan ed sudour l’ha sàmper bòn savaur
Pan di sudore ha sempre buon sapore - (il benessere bisogna guadagnarselo)

Spalmè soura al pan, tott i guai i dventen doulz
Spalmàti sopra il pane, tutti i guai diventano dolci

Al pan ed eter l’ha sèt grasst
Il pane degli altri ha sette croste - (è duro vivere in povertà o schiavitù)

Chi an tira vì al pan dur, al camparà a long e sicùr
Chi non butta il pane duro, camperà a lungo e sicuro

L’ ov d’un’aura, al pan d’un dé, al vén d’un an, in fen mai dàn
Uovo di un’ora, pane di un giorno, vino di un anno, non fecero mai danno

L’è bòn comm un pèz ed pan
E’ buono come un pezzo di pane

L’è un magna pan a tradiment
E’ un mangia pane a tradimento - (bocca inutile o fannullone)

Zarchèr miàur pan che ed grén
Cercar miglior pane che di grano

Der indrì dal pan per dla fugàza
Rendere pan per focaccia - (restituire uno sgarbo per un altro)

Fér caschér al pan d’in men
Far cascar il pan di mano - (far una cosa male e stentatamente)

Déres vì pr’un pèz ed pan
Vendersi per un pezzo di pane - (a condizioni svantaggiose e per bisogno)

Dìr pan al pan
Dire pane al pane - (parlare con chiarezza)

Magnèr al pan pintè
Mangiare il pan pentito - (fare il mea culpa)

Eser pan e furmaj
Essere pane e cacio - (è il nostro: Cul e pataja)

Eser un pan pers
Essere un pane perso - (essere un buono a nulla)

Caveres al pan d’in bacca
Levarsi il pane di bocca - (sacrificarsi fino in fondo)

An creadder gnenc in dal pan còt
Non credere neanche nel pane cotto - (non avere nessuna fede)

Magnér pan e vlèn
Mangiar pane e veleno - (per invidia e rancori non gustare le cose semplici)

An distenguer al pan dai sàs
Non distinguere il pane dai sassi - (conoscere poco le persone e le cose)

Truvèr al pan pr’i propri dent
Trovar pane per i propri denti - (trovar situazioni difficili che lo faranno ravvedere o persone della stessa natura che lo faranno tribolare)

Dèr al pan e ‘na sasè
Dare il pane e la sassata - (unire a una gentilezza uno sgarbo)

Al pan dla vcjàia
Il pane della vecchiaia - (si intendono i risparmi)

Eser soppa o pan bagnè
Essere zuppa o pan bagnato - (essere più o meno la stessa cosa)

Dèr al pan d’ajir
Dare il pane di ieri - (fare un’elemosina misera)

Pan sòtt
Pane senza companatico

Prumètter piò cherna che pan
Promettere più carne che pane - (promettere mari e monti)

Al pan dal puvratt, l’ha la benzian dal Sgnaur
Il pane del povero è benedetto

….. Sa di sale lo pane altrui

Bisàggna cusr al pan fèn che al fauren l’è chèld
Bisogna cuocere il pane finchè il forno è caldo - (bisogna battere il ferro finché è caldo)

Méi al pan bròn che incion
Meglio il pane nero che niente - (meglio poco che niente)

Pan e turtì, quand i en cùt i en tott bi
Pane e tortelli quando son cotti sono tutti belli - (quando son cotti non importa siano ben formati, ma buoni)

Pan frassc, carsant e vén ddoulz: trai cos ch’al dùren pòc
Pane fresco, crescente e vino dolce: tre cose che durano poco

Pan sòtt al fà i bi pòtt, pan cun quèl fà anc piò bèl
Pane asciutto fa belli i putti, col companatico ancor di più

Pan, umbrèla e gaban, tùi cun te in viàz
Pane, ombrello e giaccone prendi con te in viaggio

L’è una brotta mnèstra
E’ una brutta minestra - (è un imbroglio)

L’è una mnèstra tavvda
E’ una minestra tiepida - (persona apatica, svogliata)

Al lèt chèld fa la pasta fradda
Il letto caldo fa la pasta fredda - (chi dorme non piglia pesci)

La pasta arscaldé la sa ed fomm
La pasta riscaldata sa di fumo - (le cose vecchie spacciate per nuove, non ingannano)